ilpicchioparlante

un popolo ignorante è più facile da governare

Aspetti di una morte “attesa” da un decennio

Dopo la notizia della morte dell’uomo più ricercato del mondo, sembra doveroso fare un’analisi sugli effetti straordinari che può causare-e che in parte ha già causato-il decesso di una persona umana. Nei vari commenti ufficiali degli esponenti di spicco di tutto il mondo, solo il Vaticano ha espresso moderato cordoglio dicendo “che non si può gioire per la morte di qualcuno”; dall’annuncio di Obama in poi, invece, è stato più volte ribadito “giustizia è stata fatta!” Con questa espressione i vari leader hanno fatto un salto nel passato di qualche secolo, mettendo da parte le moderne garanzie a tutela del cittadino-qualsiasi cittadino- secondo cui chi ha sbagliato è giusto che debba pagare, ma sempre in seguito ad un giusto processo. Il presidente USA ha così annunciato di aver sferrato il più grande colpo al terrorismo, arrivando a compiere in 3 anni quello che il predecessore Bush non era riuscito in 7 anni; a poco più di un anno di distanza dalle prossime presidenziali, Obama potrebbe riscuotere un gran ritorno nei consensi dopo le recenti delusioni dovute alla crisi occupazionale e al rialzo dei prezzi della benzina(arrivati nientedimenochè a 0,75 dollari al litro!!!!).

In seguito al comunicato ufficiale, migliaia di cittadini americani sono scesi nelle varie piazze a festeggiare la scomparsa dell’odiato sceicco, con inni alla nazione e bandiere a stelle e strisce; festeggiamente analoghi mi è capitato di vederli in Spagna nel luglio scorso, od anche in Italia, nel luglio 2006, per non parlare del Brasile nel 2002. Forse il contesto era diverso, ma il succo mi è sembrato molto simile. Le diverse borse europee hanno registrato vari rialzi; il dollaro ha ripreso a salire dopo giorni in negativo, la borsa giapponese era in rialzo, idem per il dax tedesco. Come può la morte di un uomo, seppur malvagio, causare benessere alla finanza? Sarà che è stata colpa sua l’attuale crisi che attraversa il globo? Difficile saperlo, ma sono ancora diversi gli interrogativi che affliggono le coscienze di tutto il mondo; come mai la grande superpotenza militare ha impiegato così tanto tempo per stanare Bin Laden?

Abbiamo visto che non si trovava in una caverna dispersa in qualche luogo sconosciuto, non si nascnondeva nelle zone prive di qualsiasi traccia umana, ma era semplicemente ad una cinquantina di km da Islamabad. Perchè il corpo del leader di Al Qaeda è stato immediatamente sepolto in mare, secondo la tradizione islamica? Ritrovato rispetto per il nemico? Forse. Il suo cadavere avrebbe sciolto ogni possibile dubbio, ed invece ancora non c’è traccia di queste immagini. Le diplomazie del mondo intero, sentito anche i comunicati qaedisti, temono qualche ritorsione; tenere alta la guardia. Per chi aveva pensato che adesso era possibile smantellare i reparti militari in Afghanistan, è stato disatteso subito; anzi, direi non è mai stato in discussione, sentito anche le parole di Obama, quando ha detto che bisogna ancora lavorare per la sicurezza. Per chi auspicava una risoluzione con metodi pacifici, c’è ancora da aspettare, non è arrivato il momento, e chissà se mai arriverà.

Advertisements

3 maggio 2011 - Posted by | Politica | , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: