ilpicchioparlante

un popolo ignorante è più facile da governare

Aboliamo il porcellum?

Mentre continuano ancora i festeggiamenti relativi al referendum del 12 e 13 giugno, già iniziano i preparativi per un’altra raccolta firme, che porterà -probabilmente il prossimo anno- nuovamente gli italiani alle urne per un’altra consultazione referendaria.L’iniziativa “Io firmo. Riprendiamoci il voto” è stata promossa dal Comitato per il Referendum sulla Legge Elettorale,  ed ha già depositato la proposta di legge -due giorni orsono- a Roma, comprendente i quattro punti dell’attuale legge che s’intendono abrogare. Sull’attuale legge elettorale i cittadini saranno chiamati ad esprimersi sulle liste bloccate, sul premio di maggioranza che viene attribuito alla coalizione che riceve più consensi, sull’obbligo dell’indicazione del candidato premier e sulla possibilità di deroghe alla soglia di sbarramento. La settimana prossima, con ogni probabilità partirà la raccolta firme, con l’obiettivo di raggiungere almeno 500mila firma entro settembre, termine previsto dalla Costituzione, per presentarla poi alla Corte di Cassazione.

A lanciare questa nuova, importante iniziativa referendaria sono un nutrito gruppo di costituzionalisti ed intellettuali come Umberto Eco, Corrado Augias, Salvatore Accardo, Umberto Ambrosoli, Alberto Asor Rosa,  Vittorio Gregotti, Carlo Federico Grosso, Renzo Piano, Mario Pirani, Giovanni Sartori, Innocenzo Cipolletta. Il gruppo, guidato da Stefano Passigli, è da tempo che ha pensato e disegnato questa proposta, ed ovviamente ha aspettato per lanciarla per non creare sovrapposizioni con il referendum appena trascorso. Dopo la schiacciante vittoria dei si sul nucleare, acqua pubblica e legittimo impedimento, e cavalcando l”onda della partecipazione di 27 milioni di persone, questi quesiti avranno il vento in poppa; l’unico modo per fermare la consultazione potrebbe essere una discussione in Parlamento, con seguente possibilità di modificare il sistema elettorale. Ipotesi questa, scartata a priori dalla maggioranza.

“Bisogna restituire alla popolazione un ruolo di chiara espressione del voto, senza sacrificare la rappresentatività e la partecipazione alla cosa pubblica”. Queste sono, in maniera sintetica, le dichiarazioni su cui convergono gli intellettuali(ed io con loro). L’attuale legge elettorale, definita “porcata” da Calderoli, che ne è stato il padre, impedisce di fatto una selezione dei candidati bloccando le liste e lasciando ai segretari di partito assoluta discrezionalità nella scelta dei parlamentari. Non mancano, com’è giusto che sia le critiche ai quattro punti. Il rischio è quello di ritornare ai problemi della prima repubblica, all’assoluta indipendenza dei partiti di fare e disfare i governi, e all’importanza che potrebbe assumere un piccolo partito quale ago della bilancia in parlamento. Ma del resto, in un sistema che sia davvero democratico, la possibilità di avere diversi schieramenti al governo dovrebbe essere una risorsa che favorisce maggiormente il dibattito e possa premiare le scelte condivise.

E’ l’eterno dubbio sistemico tra maggioritario e proporzionale, tra governabilità e rappresentanza. Certo è che questa legge, che ci rende passivi, non ci va più a genio. Abbiamo bisogno di discutere su quale sia il miglior sistema per andare avanti, di capire i lati negativi e positivi di ognuno; ma allo stesso tempo manifestiamo la necessità di essere coinvolti, di essere partecipi, di non subire il potere. Abbiamo fatto la parte dell’incudine per troppo tempo, adesso è giusto ricoprire un pò il ruolo del martello.

Annunci

18 giugno 2011 - Posted by | Attualità | , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: