ilpicchioparlante

un popolo ignorante è più facile da governare

Ciao sono Clarence. E sono un’antenna!

L’agenzia di comunicazione Bartle Bogle Hegarty ha effettuato un esperimento che ha scatenato un fiume di polemiche.  La trovata pubblicitaria, in occasione del festival di tecnologia, consiste nell’aver trasformato 13 persone senza fissa dimora (homeless) in Lui è Clarence. Un antenna 4G!antenne Wi-fi ambulanti. Ebbene si, per chi si troverà a passare dalle parti di Austin, in Texas, sarà possibile usufruire della connettività gratuita proprio grazie a queste persone che, muniti di dispositivo 4g-to-wifi e una t-shirt di presentazione (“Sono un hotspot 4g”), gireranno per le strade del centro, possibilmente nelle zone più affollate per una migliore visibilità del prodotto. Eh già, perchè di un prodotto parliamo. Un essere umano che quasi si trasforma in una infrastruttura; ed è stata proprio questa una delle maggiori critiche rivolte a questa trovata di marketing. Sicuramente mentre qualcuno si starà collegando a Internet, e pensa che per farlo non sta usufruendo di fili in rame o altro materiale, ma di pelle e ossa, ci sarà un momento di titubanza.

E’ chiaro però, che oltre al dilemma etico, questi homeless hanno ricevuto una paga per essersi trasformati in sponsor: venti dollari al giorno, più le mance (manco fossero camerieri), ovvero le donazioni dei clienti. Certo, nulla se paragonato agli stipendi faraonici di alcune aziende, molto poco se rapportato ad un normale rapporto di lavoro, ma pur sempre un  compenso per una collaborazione. E ciò che forse deve essere considerato più di tutto, è che almeno per qualche giorno, gli è stata offerta l’oppurtunità di mettersi a contatto con la gente, di rientrare a contatto con la società che, fino a qualche momento prima, li ignorava.

Non c’è nulla di caritatevole, nè di scopo benefico. E’ una trovata commerciale di un’azienda impegnata nel settore. Ok, ma cosa c’è di strano? Non è un lavoro come un altro, ma come tutti, ha i suoi lati positivi e negativi. Con ciò non voglio schierarmi dalla parte dell’azienda, ma almeno vorrei capire il perchè di alcune inutili polemiche, primo fra tutti il New York Times.

Advertisements

14 marzo 2012 - Posted by | Innovazione | , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: