ilpicchioparlante

un popolo ignorante è più facile da governare

L’Italia è una Repubblica fondata sulla burocrazia

Apprendo con piacere del nuovo post di Jacopo Fo sul Fatto Quotidiano, che come spesso gli riesce, non le manda certo a dire a quella parte del sistema che viene comunemente etichettata come “burocrazia”. Tutti noi, o almeno chi è un minimo informato,come il “potere degli uffici” metta in risalto tutte le pratiche scorrette che devono affrontare milioni di persone, che non hanno la fortuna di avere i cosiddetti “santi in paradiso”. Perchè se c’è un fenomeno che trae sempre linfa da ciò, esso è la corruzione, e non la trasparenza. Ovviamente anche il neo presidente di Confindustria, Squinzi, ha espresso che “la burocrazia rappresenta il primo ostacolo da superare per le imprese” e normalmente, tutti i politici calendarizzano questo tassello nelle proprie agende, o ne vanno a parlare nei salotti, ma poi, concretamente, fanno poco o nulla per rimuovere questi ostacoli.

Non è la prima volta che tratto questo argomento, ma ovviamente acquisisco maggiore forza quando vedo che persone consapevoli ne fanno anche loro un cavallo di battaglia. Si fa un gran parlare di articolo 18, ma sinceramente lo baratterei volentieri con l’immediato ripristino dei costi della burocrazia; studi fondati ci rammentano che se fossimo efficienti come i colleghi tedeschi avremmo un risparmio stimato intorno ai 50 miliardi di euro.

La riforma Brunetta che ha sbandierato una rivoluzione nel settore, difficilamente riuscirà a tenere fede alle promesse. Come ho analizzato anche su diritto di critica tale decreto non è intervenuto in una logica di semplificazione normativa, ma ha generato ancor più confusione tra gli enti e le commissioni varie chiamate a decidere su determinate questioni. Il blocco delle assunzioni, inoltre, priverà di un ricambio generazionale, senza il quale sarà difficile intraprendere una vera digitalizzazione degli atti. Non me ne vogliano gli adulti, ma è chiaro che un pò di innovazione nel settore potrà essere portata quasi esclusivamente da qualche nuova leva, dotata di una maggiore vocazione verso i metodi tecnologici.

La prima cosa da attuare subito, già da domani, sarebbe una revisione del linguaggio stesso. Bisogna pur rendersi conto che chi leggerà una raccomandata o un avviso, non deve essere per forza un ex studente della Bocconi. Prima di allora, sarà difficile non poter affermare quanto espresso dal titolo di questo articolo…

Advertisements

28 marzo 2012 - Posted by | Attualità | , , , , , , , ,

1 commento »

  1. […] Nel bel mezzo di una campagna elettorale misera dal punto di vista dei contenuti, arriva a dominare la scena politica chi, come al mercato, fa la voce più grossa degli altri. Prendersela ripetutamente con le tasse troppo alte, la burocrazia […]

    Pingback di E proposta shock fu « ilpicchioparlante | 3 febbraio 2013 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: