ilpicchioparlante

un popolo ignorante è più facile da governare

La nuova (?) strategia del centrodestra

E’ da un bel pò di tempo che, seguendo i dibattiti televisivi o quanto lorsignori esprimevano su questo o quel quotidiano, ho notato un atteggiamento degli esponenti del centrodestra in antitesi rispetto alle linee programmatiche del governo Monti.

Quando all’inizio, con le prime manovre, il governo tecnico riuscì a guadagnare stima in ambito internazionale, dal neo segretario Alfano fino ad arrivare all’ultimo deputato, vigeva un unico motto: “Stanno seguendo il nostro programma, quello che avremmo fatto se fossimo ancora al governo”. Adesso, quasi improvvisamente, pur sostenendo il governo e quindi appoggiando l’aumento incondizionato delle tasse e il pressochè totale rinvio delle riforme da fare se non quella “boiata” della riforma del lavoro (Squinzi dixit, non il più partigiano dei sindacati), ecco il cambio di rotta: l‘avversione totale alla moneta unica, all’Europa della Merkel e all’azione di Monti e ministri vari.

Come evidenziava ieri  Alessandro Gilioli sul suo blog personale, e nondimeno Claudio Messora su Byoblu.com, è frutto della nuova campagna elettorale -già iniziata- del Cavaliere e dei suoi discepoli che, avendo notato il malcontento generale vorrebbero cavalcare questo sentimento di protesta e tradurlo in una significativa risalita nei sondaggi, che ormai relegano il Pdl – o futuro “partito della gnocca”- ben dietro al Pd come al Movimento 5 Stelle. Antipolitica dunque, mista a quel pizzico di nazionalismo, che riporta la mente alla marcia su Roma di mussoliniana memoria, sarebbero la ricetta del successo: ricetta che è stata, forse, inaugurata dalla vicenda dei due marò e che i Sallusti vari non smettono mai di utilizzare ogni qualvolta sono chiamati ad esprimersi.

Potranno anche chiamarla libertà d’informazione, ma per me rimane solo difesa dei propri interessi e privilegi. Sono d’accordo che l’attuale governo ha deluso le istanze di gran parte della popolazione, che non è riuscito a dare una netta spallata alla burocrazia italiana, e ci consegna un Paese con un tasso di disoccupazione in aumento così come la fuga dei cervelli, dove la parola “futuro” si conosce solo grazie alla coniugazione verbale.

Ma non dimentichiamo che Santanchè e company erano i primi a dare dell’eretico a tutti coloro che paventavano un ritorno alla moneta unica da tempo, e che chiedevano da subito un governo politico anzichè la fase transitoria dei tecnici. Non cadere nel tranello è l’imperativo, perchè se avessero voluto, avevano mezzi e risorse per non farci sprofondare nel baratro: ma erano troppo impegnati a farci credere che Ruby fosse la nipote di Mubarak…

Advertisements

21 giugno 2012 - Posted by | Politica | , , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: