ilpicchioparlante

un popolo ignorante è più facile da governare

Ancora sulla spending review

Al termine di una riunione abbastanza lunga, e non senza tantissime polemiche da parte delle istituzioni stesse, è stato varato il decreto che prevede tagli nell’ordine di diversi miliardi di euro al settore pubblico, tra sanità, università, province (?) e pubblico impiego.

Da quando Giarda parlò di centinaia di miliardi di euroè passato oltre un mese, e pare che una piccola spending review sia in dirittura d’arrivo. Nel testo definitivo è compresa qualche soppressione in meno ma diverse decisioni però, saranno assunte solo in un secondo momento: ancora da definire, quali province abolire e quale salvare (al momento criteri di estensione e popolazione risultato troppo generici), e quale strutture sanitarie accorpare. Altra decisione discutibile, è il rinvio dell’aumento dell’Iva a luglio 2013, quando cioè il governo tecnico dovrebbe (condizionale sempre d’obbligo) essere sostituito da uno politico che sarà “costretto” a condividere questa scelta impopolare.

L’altro giorno sono entrato nel merito di questa manovra, mentre oggi voglio limitarmi a qualche considerazione di “contorno”. Anzitutto, ci tengo a ribadire come la situazione per coloro che sono in cerca di un lavoro diventi sempre più critica, giorno dopo giorno. A partire dal 2016 il blocco delle assunzioni sarà totale, e per quanto ci possano essere delle persone contente di ciò (la corrente di pensiero secondo cui “chi lavora nel pubblico è un fannullone pagato a spese della collettività“), tale scelta rappresenta un “fertilizzante” della disoccupazione.

Altra considerazione, non meno importante, scaturita in seguito ad un commento sull’articolo scorso, a firma di Laura Liguori, è che con questo “blocco totale” si dovranno eliminare quei corsi di laurea tipo Scienze dell’Amministrazione, Scienze Politiche (indovinate in cosa sono laureato io?) per evitare di creare “amministratori” inutili. Ma, probabilmente, a questo avevano già pensato i nostri tecnici: sarà un gioco da ragazzi coinciliare quest’esigenza con il taglio di centinaia di milioni nelle università pubbliche!

Certo è che tagliare i costi della burocrazia, come spesso ripetuto anche in questa sede, è di fondamentale importanza. Ma se per burocrazia s’intende stroncare qualsiasi possibilità per i disoccupati di accedere tramite concorsi pubblici nella Pubblica Amministrazione, o il futuro dei nostri figli e nipoti (taglio all’università) anteponendo sempre e comunque gli interessi di chi può “comprarsi il futuro” (coloro che hanno la possibilità per accedere agli atenei privati) vuol dire che abbiamo qualche piccolo problema di comprensione dei nostri bisogni…

Advertisements

6 luglio 2012 - Posted by | Politica | , , , , , , ,

5 commenti »

  1. Francesco, grazie per aver affrontato il tema. Magnifica quanto triste la conclusione all’articolo: addio, futuro!

    Ps.
    Scienze Politiche… “e in cosa pensi sia laureata” anche io? Sono una tua compagna di sventura, dottoressa in Scienza dell’Amministrazione Pubblica!

    Commento di lauraliguori | 6 luglio 2012 | Rispondi

  2. scusa perché dici “A partire dal 2016 il blocco delle assunzioni sarà totale”? a me pareva il contrario..

    Commento di marti | 6 luglio 2012 | Rispondi

    • Sorry, hai ragione: anche se si dice “almeno” fino al 2016. Grazie della segnalazione. Cordialmente, Francesco.

      Commento di ilpicchioparlante | 6 luglio 2012 | Rispondi

  3. […] essere quello del neo direttore generale Rai, che oltrepassa il doppio del paletto appena citato. Le mie considerazioni sulla spending review le ho già fatte abbondantemente in passato, adesso vorrei concentrarmi su un altro […]

    Pingback di La “mentalità da stadio” sulla spending review « ilpicchioparlante | 27 luglio 2012 | Rispondi

  4. Come insegna la storia dell’Austria illuminista,uno Stato per essere efficiente deve avere una burocrazia efficiente. Si devono tagliare gli sprechi(vedi dirigenti troppo numerosi e costosi),ma il “pubblico”non va eliminato,bensì razionalizzato, mediante mobilità e riqualificazione del personale. E riguardo alle assunzioni,si deve porre fine all’intromissione della politica in questo campo, e tornare a concorsi seri(periodici,adeguatamente pubblicizzati, aperti a tutti) basati esclusivamente sul merito, così da avere personale qualificato e motivato,adeguatamente retribuito, che svolga il suo lavoro nell’interesse della collettività e non di gruppi di potere e debba rendere conto del suo operato.Questo dovrebbero chiedere i sindacati,se non fossero anch’essi politicizzati!

    Commento di lilipi | 8 agosto 2012 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: