ilpicchioparlante

un popolo ignorante è più facile da governare

Spending review, atto finale

Dopo il via libera del Senato e l’ok arrivato ieri dalla Camera, è diventato legge il provvedimento che taglia la spesa per 4,5 miliardi quest’anno, 10,5 il prossimo e 11 nel 2014, per un totale di 26 miliardi di risparmi. Ed è grazie a questa cifra che secondo il Governo si riuscirà ad evitare l’aumento dell’Iva fino al giugno 2013; ed è quiche nasce la prima preoccupazione, perchè l’aumento di due punti percentuali dell’imposta sui consumi (IVA) è stato solo rimandato (quel “fino” nel testo è inequivocabile), e molto verosimilmente tornerà al centro dell’agenda politica tra un 700 giorni circa. Le resistenze più ardue alla spending review vengono dalle province: 70 giorni di tempo a loro disposizione per presentare proposta di riordino, ed è qui che s’accenda la fantasia di diversi amministratori locali. Ipotesi di grandi agglomerati, dove potrebbero rientrare sotto una sola provincia ben 4-5 capoluoghi. I criteri, al momento parlano chiaro: 350mila abitanti e 25mila km quadrati per resistere.

L’ultimo atto della spending review inoltre, mette in esubero circa 24mila dipendenti pubblici, elimina circa 7mila posti letto, tagliando i trasferimenti statali a Regioni ed enti locali per 13 miliardi fino al 2014. E’ definitivo il tetto di 300 mila euro agli stipendi di manager pubblici, o di aziende a partecipazione statale, ma ovviamente, vale per i futuri contratti: salvi dunque, i compensi dei nuovi dirigenti Rai. Possibili nuovi tasse -addizionale Irpef- per le Regioni in rosso con la sanità: Sicilia, Calabria, Campania, Puglia, Abruzzo, Molise, Lazio e Piemonte. Qualche taglio di troppo evitato alla casta,restano però i dimezzamenti delle auto blu, ed un 10% di tagli alla spesa militare che fa ben sperare per il futuro. Certo, tutto il provvedimento non sposa proprio i criteri di meritocrazia ed equità, perchè, come detto si poteva fare molto di più per aggredire la spesa improduttiva e non concentrarsi, semplicisticamente, verso i dipendenti pubblici (magari alle consulenze esterne, spesso stracolme di clientelismo), con i piccoli enti di ricerca e verso tagli lineari agli enti locali che non tengono conto delle virtù mostrate nei rispettivi cammini.

L’ultima considerazione la voglio dedicare all’Università: aumento solo relativo all’inflazione per i redditi (ISEE) inferiori a 40mila euro, del 25% per redditi fino a 90mila e del 100% oltre i 150mila euro. Si vuole premiare il merito, ed è pertanto ragionevole premiare coloro che sono in regola, penalizzando chi ci mette meno impegno. Giusto, per carità. Ma a questa logica, per essere davvero efficiente, dovrebbe accompagnarsi un aumento dei sussidi per le borse di studio: sempre più in calo i fondi e, al tempo stesso, sempre di più gli studenti che lavorano per mantenersi gli studi; ed è inevitabile che dedicando tempo al lavoro si finisce col perdere spesso l’appuntamento con esami, rimanendo indietro rispetto a chi può dedicarsi “anime&corpo” allo studio. Anche questo costituisce una differenziazione poco meritocratica che mal si sposa con i criteri di solidarietà ed equità sociale. Anche questo, potrebbe essere visto come una violazione dell’articolo 3 della Costituzione, in quanto si finisce col limitare di fatto la piena eguaglianza dei cittadini.

Annunci

8 agosto 2012 - Posted by | Economia | , , , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: