ilpicchioparlante

un popolo ignorante è più facile da governare

Analfabeta a chi??

Se ci sentiamo dire che siamo un paese di analfabeti, che reazione avremmo? Sobbalzeremo, così, di colpo dalla sedia, arriveremo addirittura ad inveire contro chi ci rivolge tale accusa, o accetteremo, supinamente, tale constatazione?

crollo Pompei

Ebbene in base ad un report stilato da OCSE e UE emerge proprio che quel processo di alfabetizzazione ancora non è stato concluso nel Belpaese: così, se prima andavamo fieri di aver avuto Dante e Da Vinci, Leopardi e Primo Levi, oggi dobbiamo tentare di giustificare episodi come i crolli di Pompei e della Città della Scienza.

Questo perchè siamo vittime, e troppo spesso anche carnefici, di quel degrado culturale che accettiamo senza battere un colpo, senza fare nulla per invertire il trend. Siamo ben consci che di potenzialita inespresse ne abbiamo, e ci culliamo sulla possibilità di poter migliorare, facendo poco, spesso nulla, per ribaltare quest’andamento, aspettando che siano gli altri a fare la rivoluzione.

Estratto da Agorà digitale:

Secondo una recente inchiesta del Corriere il patrimonio dei beni culturali dell’intera Unione Europea potrebbe valere 8,5 milioni di posti di lavoro e fino al 3,3% del Pil europeo. Peccato che però, l’Italia ha mostrato più volte di non saper sfruttare il suo immenso patrimonio, vedendo crollare, pezzo dopo pezzo, molti dei suoi storici monumenti.

La speranza è che, come anche emerso anche dal recente Open Data Day, l’utilizzo delle nuove tecnologie e delle pratiche Open Data, applicate ai beni culturali, possano fungere da stimolo per una migliore allocazione delle risorse e, più in generale, per una migliore gestione del patrimonio; condivisione delle risorse, delle problematiche, collaborazione e interazione per innovare il turismo, sono delle novità che non possiamo permetterci di lasciar sfuggire, onde ritrovarci sempre più poveri; culturalmente parlando.

Parole come cultura, turismo, patrimonio storico-artistico dovrebbero essere un motivo di vanto per noi, potrebbero essere il “nostro carbone” che ci dia la forza per uscire dalla crisi, dalla recessione. Ed invece, non siamo in grado di tutelarli, di applicarci un minimo di processo innovativo o virtuoso, e lasciamo si che l’abbandono sia la regola, non riuscendo a gestire queste straordinarie risorse che c’hanno lasciato in eredità. Siamo bravi però, nel guardare tanta Tv…

Advertisements

16 marzo 2013 - Posted by | Attualità, Innovazione | , , , , , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: