ilpicchioparlante

un popolo ignorante è più facile da governare

Beni Culturali Aperti! Nessuna alternativa

Ho appreso da meno di 24  ore di questa nuova entusiasmante iniziativa ed ho pensato di scriverci su qualche riga. Troppo spesso abbiamo assistito ad innumerevoli scelte poco oculate nel campo dei beni culturali, e non è più un mistero che l’Italia detiene la leadership indiscussa per quanto riguarda la quantità di patrimonio storico artistico e culturale. Ciò che manca, ovviamente, Rissa_in_galleria_boccioni_1910-472x576è la capacità di valorizzarli, e probabilmente, il passo ancora precedente, è renderli il più  possibile accessibili. Significa, in poche parole, favorirne il massimo della circolazione per aumentare la sensibilità ed il patrimonio inestimabile della conoscenza.

Ed ecco allora che prende vita la proposta Beni Culturali Aperti, ovvero:

degli emendamenti al Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio per introdurre il principio di opendata per i dati dei Beni Culturali (http://www.beniculturaliaperti.it/il-testo-degli-emendamenti/).
Siamo convinti che il potenziale conoscitivo del nostro Patrimonio artistico sarà amplificato proprio grazie alla semplificazione  e al riuso dei dati delle nostre opere d’arte, incoraggiandone la conservazione e la visita.
Riteniamo anche che un’accessibilità diretta ai dati digitali sia fondamentale: per far conoscere opere meno note e per tutelarne la conservazione; allo stesso tempo tali emendamenti favorirebbero la digitalizzazione delle opere dal momento che poi i dati sarebbero a disposizione di tutti e riusabili facilmente.

Il primo obiettivo è arrivare alle 200 sottoscrizioni entro il 31 dicembre. Chiaramente è alla portata del progetto. Ma il vero fine, raggiungibile magari a partire dall’inizio del 2014, porterebbe dei benefici difficilmente quantificabili, in termini qualitativi, sia sociali che economici.

Ecco perchè non bisogna più aspettare, ma è il momento di far sentire quanto davvero teniamo al nostro patrimonio. Prima dell’ulteriore rovina, è l’unica carta da giocare ancora rimasta nelle nostre mani.

Advertisements

20 dicembre 2013 - Posted by | Innovazione | , , , , , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: